Botte e cinghiate alla compagna incinta, 51enne condannato a un anno e otto mesi

L'uomo, accusato di maltrattamenti in famiglia, era stato denunciato dopo tre anni di convivenza

Il tribunale di Ivrea

Un anno e otto mesi di reclusione per un uomo di 51 anni residente a Torino accusato di maltrattamenti in famiglia dall'ex compagna con cui ha convissuto per tre anni e con cui aveva avuto una bambina.

La condanna è stata pronunciata dal giudice monocratico Lodovico Morello del tribunale di Ivrea in quanto i fatti si sono svolti a Strambino.

Secondo l'accusa lui la colpiva con calci, pugni e cinghiate anche mentre era incinta e la obbligava a pratiche sessuali estreme dove la legava e la incappucciava.

La donna, che oggi ha 45 anni, aveva lasciato il compagno e lo aveva denunciato nel 2011.

Per l'uomo il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a due anni e due mesi di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lui ha sempre respinto ogni addebito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Divampa un incendio nel suo appartamento, donna muore intossicata

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

  • Perde il controllo dell'auto che si ribalta a lato della carreggiata: grave il conducente

Torna su
TorinoToday è in caricamento