Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Boss della camorra tenta suicidio in carcere a Torino, salvato dagli agenti

Ha tentato di togliersi la vita impiccandosi con un lenzuolo annodato alle grate ed è stato salvato dagli agenti di polizia. Ora è ricoverato al Maria Vittoria, anche se ha rischiato di essere il sesto suicidio del 2012

Un boss camorrista ha tentato il suicidio nel carcere torinese "Lorusso e Cutugno" di Torino. Lo rende noto Leo Beneduci, segretario generale del sindacato di polizia penitenziaria Osapp aggiungendo che Stolder sarebbe stato trovato legato a un lenzuolo annodato alle grate nella cella. Adesso è ricoverato in osservazione nell'ospedale Maria Vittoria di Torino.


"Poteva essere il sesto suicidio in carcere del 2012 - dice Beneduci - e solo il tempestivo intervento del personale di polizia penitenziaria l'ha evitato". Quello dei tentati suicidi in carcere è uno dei problemi maggiori lamentati dai sindacati di polizia. "Non sappiamo - prosegue il segretario dell'Osapp - fino a quando potremo continuare a svolgere il nostro servizio a tutela della legalità ma anche della vita delle persone in carcere visto che il numero dei detenuti è tornato a quota 67mila in Italia e di agenti in servizio ce ne sono 1.250 in meno rispetto al 2011, compresi i 21 che sono deceduti per vari motivi". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boss della camorra tenta suicidio in carcere a Torino, salvato dagli agenti

TorinoToday è in caricamento