Cronaca Centro / Piazza XVIII Dicembre

Porta Susa, con la scusa di un’informazione derubavano i passeggeri

Era questa la tecnica per distrarre i viaggiatori in attesa sulla banchina. Tre denunciati dalla Polizia

Immagine di repertorio

Con una gentile richiesta di informazioni distraevano la vittima e poi la derubavano. È questa la tecnica utilizzata da un gruppo di tre algerini di 28, 24 e 34 anni, in Italia senza fissa dimora.

Chiedevano indicazioni ai viaggiatori, spesso in inglese o mostrando una piantina della città, mentre un complice, approfittando della situazione, derubava il malcapitato, sfilando il portafogli o impossessandosi di una borsa lasciata sul trolley o sulla panchina, anche solo per pochi istanti.

L’allarme è scattato quando, nell’arco dei primi dieci giorni del mese di dicembre, diverse persone hanno denunciato il furto di oggetti personali, tutti avvenuti dopo essere stati fermati per ottenere indicazioni su luoghi della città o orari dei treni, mentre si trovavano sulla banchina in attesa del treno, sia per tratte regionali che per il centro e sud Italia.

A seguito di una mirata attività di indagine, svolta anche in borghese, e grazie all’analisi dei filmati della videosorveglianza si è potuto risalire ai furfanti che il 13 dicembre sono stati individuati e bloccati proprio in stazione. I tre alla vista della Polizia hanno tentato di dileguarsi in fretta, ma sono stati fermati e accompagnati negli uffici della Polfer di Porta Susa.

E’ emerso che sono tutti irregolari e che il diciottenne ha da poco raggiunto la maggiore età e quindi era minorenne al momento in cui sono stati commessi i furti sui quali si stava indagando.

Sono stati denunciati per furto aggravato in concorso e per violazione delle norme in materia di immigrazione. Ora la loro posizione dei tre è ora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Susa, con la scusa di un’informazione derubavano i passeggeri

TorinoToday è in caricamento