Sbarca all'aeroporto con una borsa di varano (compresi testa e zampe): rischia 15mila euro di multa

"È un ricordo del viaggio"

La borsa di varano sequestrata all'aeroporto di Torino Caselle

Un italiano di 40anni è stato fermato dalla guardia di finanza all'aeroporto Pertini di Torino Caselle a metà giugno 2019: nel suo bagaglio aveva nascosta una borsa di varano, uno dei più grandi rettili esistenti in natura. L'uomo, un romeno residente a Rivalta di Torino, proveniva dal Niger e aveva fatto scalo a Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In seguito agli accertamenti tecnici eseguiti, la borsa è risultata essere composta da pellame, compresi testa e arti, del rettile africano. A detta dell’uomo, era un 'ricordo' di un periodo di soggiorno trascorso in Niger. Adesso rischia una multa fino a 15mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Tragico scontro con un camion, morto un automobilista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento