Cronaca

Nuova protesta No Tav a Chiomonte, bombe carta contro le recinzioni

Secono blitz consecutivo del Movimento. I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell'ordine con l'uso di lacrimogeni

Immagine di repertorio

Seconda notte consecutiva di proteste al cantiere della Torino-Lione, in Valle di Susa.

Dopo la sassaiola di sabato luglio, 200 attivisti del movimento No Tav hanno tentato di raggiungere le recinzioni del cantiere di Chiomonte lanciando bombe carta e fuochi d'artificio contro le forze dell'ordine.

Alcuni antagonisti hanno anche tentato di tagliare la rete di protezione del cancello, altri si sono addentrati nei boschi e altri ancora hanno cercato di entrare nel cantiere passando dal retro.

I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell'ordine con l'uso di lacrimogeni. Successivamente hanno fatto ritorno al campeggio di Venaus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova protesta No Tav a Chiomonte, bombe carta contro le recinzioni

TorinoToday è in caricamento