Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incastrato dal Dna: ha fabbricato la bomba per un attentato a una società, arrestato

Si indaga su altri ordigni

 

La Digos di Torino ha arrestato un anarchico italiano 40enne di Cerro Veronese (Verona) nella mattinata di oggi, martedì 26 novembre 2019. Si tratta dello sviluppo di un'operazione, denominata, Scintilla, che aveva portato all'arresto di sei esponenti del centro sociale Asilo Okkupato di Torino (che fu sgomberato contestualmente) per 15 attentati mediante l'invio di plichi postali a ditte e società con sede a Torino, Bologna, Milano, Roma, Bari, Ravenna, e per la collocazione di altri sei ordigni rudimentali (taniche di benzina con innesco esplosivo) davanti a uffici delle Poste di Torino, Bologna e Genova. Nel mirino del gruppo finivano sempre aziende collegate in qualche modo ai centri di permanenza e rimpatrio dei migranti irregolari sparsi sul territorio nazionale.

Il dna dell'uomo è stato rintracciato su un ordigno indirizzato alla società Ladisa Ristorazioni ma recapitato alla Igeam di via Benaglia a Roma l'8 marzo 2016. Contenuto in una busta con pluriball, era costituito da in sistema di attivazione con batteria a nove volts e un innesco mediante una lampadina alogena con il bulbo di vetro rotto e filamenti a contatto con una carica esplosiva costituita da 22 grammi di polvere pirica. La bomba si sarebbe attivata all'apertura della busta. Un plico identico era stato inviato alla ditta Crea di Ravenna qualche giorno prima. Si ipotizza che la fabbricazione sia la medesima.

Lo scorso 30 marzo 2019, in occasione della manifestazione internazionale degli anarchici tenutasi a Torino, l'arrestato odierno era nel 'blocco nero' intercettato dalla polizia in via Aosta. Tutti furono denunciati per il possesso di un arsenale in grado di devastare la città. Il giorno dopo fu recapitato un pacco esplosivo alla sindaca Chiara Appendino.

Lui ha anche una condanna già passata in giudicato per il lancio di due ordigni esplosivi contro il comando della polizia locale di Parma il 20 ottobre 2008.

L'uomo è ora rinchiuso nel carcere di Verona.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento