Cronaca Barriera di Milano / Corso Taranto, 92

Varchi aperti e degrado. Non c'è pace per la bocciofila "I Due Pini"

La consigliera del Pdl Roberta Borio ha presentato un documento con richiesta di chiarimenti sul futuro della struttura. Sempre più in bilico secondo i residenti della zona

Sei mesi dopo la morte di un senzatetto la bocciofila “I due pini” di corso Taranto 92/A è tornata ad essere terra di conquista per chi non ha più una dimora o un posto dove riparasi dal freddo. Basta avventurarsi nel retro della struttura per notare i segni chiari e decisi di un’effrazione. La rete divelta e il varco riaperto fanno capire che ci sono stati dei cambiamenti e che qualcuno si è approfittato del degrado di questi ultimi anni.

Uno schiaffo, l’ennesimo, a quella riqualificazione richiesta dal quartiere, sbandierata ai quattro venti e mai partita nonostante la bonifica dell’amianto presente sui tetti e la demolizione dei locali pericolanti. Oltre allo sgombero dei rifiuti. A denunciare l’attuale situazione è la consigliera del Pdl della circoscrizione Sei Roberta Borio che nei prossimi giorni presenterà una nuova interpellanza con richiesta di chiarimenti.

L’arrivo dell’inverno ha portato molti disperati a forzare le porte di quella vecchia bocciofila – spiega Borio -. Il seminterrato e le stanze in superficie ospitano diverse persone. E sono due anni che sento parlare di progetti. I lavori sarebbero persino partiti e poi subito interrotti per mancanza di fondi”. Ai più curiosi basterà buttare un occhio tra le reti per scorgere immondizia e ripari di fortuna. E nessuna traccia di campi da pallavolo e di un centro giovani convenzionato con l'Asl per ragazzi con disabilità mentale.

“Un anno e mezzo fa è stata fatta persino un'inaugurazione del cantiere – continua Borio -. Una trovata buona solo per la campagna elettorale. Nulla, infatti, si è mai mosso. E in quella vecchia bocciofila a comandare sono ancora i senzatetto della zona”. Pronta la replica della presidente della circoscrizione Sei Nadia Conticelli, da sempre attiva sull’argomento Due Pini. “Abbiamo chiesto la possibilità di passare in diritto di superficie – spiega Conticelli -. Cosi facendo l'associazione vincitrice del bando potrà chiedere il mutuo indipendentemente dalla fidejussione del Comune”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Varchi aperti e degrado. Non c'è pace per la bocciofila "I Due Pini"

TorinoToday è in caricamento