Cronaca Madonna di Campagna / Via Borgaro, 84

Finita l'emergenza in via Borgaro: i carabinieri entrano in casa del folle

La resa è avvenuta dopo 22 ore. L'uomo è stato trasportato in ospedale dove verrà sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio

Ferdinando Urzini portato via in barella verso l'ambulanza che lo trasporterà in ospedale

Si è conclusa dopo 22 ore la vicenda di Ferdinando Urzini, il commerciante 52enne che si era barricato in casa armato dalle 13 di ieri, giovedì 18 maggio 2017, in via Borgaro 84.

Intorno alle 11 i carabinieri hanno fatto irruzione, senza l'uso di violenza, nel suo appartamento approfittando di un momento di calma o di stanchezza che lo aveva colto.

E' stato lui stesso ad arrendersi e ad aprire la porta.

L'uomo è stato caricato su un'ambulanza che lo ha portato all'ospedale Maria Vittoria, dove è stato sottoposto a un intervento sanitario d'urgenza psichiatrico.

Poco prima dell'accaduto sul posto era arrivato anche il pm Cesare Parodi (nella foto sottostante), che aveva provato a parlargli dalla strada. Lo stesso aveva fatto il negoziatore dei carabinieri, che gli aveva offerto di scambiare due parole facendo colazione al bar. I due sono riusciti a tranquillizzarlo.

All'inizio della mattinata Urzini aveva calato un cestino dal balcone con delle lenzuola annodate chiedendo di riempirlo di cibo.

Alla fine i militari dell'arma hanno trovato anche la pistola che compariva in uno dei video pubblicati su Facebook dall'uomo. Si tratta di un'arma a pallini, utilizzata per uccidere gli animali di piccola taglia. Non avrebbe potuto provocare grossi danni all'uomo invece.

barricato-via-borgaro-84-ferdinando-urzini-pm-cesare-parodi-170519-2

barricato-via-borgaro-84-ferdinando-urzini-170519-1-2

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finita l'emergenza in via Borgaro: i carabinieri entrano in casa del folle

TorinoToday è in caricamento