Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Berco di Busano: finita la trattativa, un anno di cassa

Si replica il modello già messo a punto per l'Insesit di None. Soddisfatti Cota e Porchietto. Giudizio positivo è espresso dalla Fiom

È durata 12 ore la trattativa per la Berco, che si è risolta con l’allontanamento dello spettro dei licenziamenti per i tre stabilimenti oggi attivi, di cui uno in Piemonte, a Busano.

I 73 lavoratori potranno usufruire di un anno di cassa, tempo da impiegare per trovare possibili acquirenti o incentivi per ricollocare i dipendenti.

L’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Claudia Porchietto, ha fatto sapere che la soluzione trovata alla Berco per quanto riguarda lo stabilimento di Busano è stata possibile perché è passata la proposta della Regione Piemonte: ''Il modello proposto dalla Regione ricalca quello già messo a punto dal Piemonte per la crisi dello stabilimento Indesit di None - ha precisato l'assessore -. Cabina di regia regionale per monitorare e lavorare sulla reindustrializzazione del sito; misure regionali a favore della ricollocazione e dei nuovi insediamenti produttivi, e una serie di dotazioni economiche che la Berco metterà sul piatto in base alle risorse non utilizzate come incentivo all'esodo''.

Soddisfatto anche il presidente della Regione Roberto Cota: ''Ieri – afferma – ho voluto partecipare direttamente al tavolo presso il ministero del Lavoro perché volevo mettere a disposizione la struttura della Regione e la nostra azione per dare prospettive di reindustrializzazione''.

Rosario Rappa e Gianni Venturi, della Fiom nazionale, esprimono un “giudizio positivo” sulla vicenda e anche sul ruolo dei ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, ''con particolare riferimento all'impegno mostrato anche nelle ultime difficili ore di negoziato dal ministro Giovannini, oltre che sul ruolo avuto dalle tre Regioni e dalle altre Istituzioni locali interessate alla vicenda''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berco di Busano: finita la trattativa, un anno di cassa

TorinoToday è in caricamento