menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La marijuana e i due baschi neri della mafia nigeriana sequestrati

La marijuana e i due baschi neri della mafia nigeriana sequestrati

I baschi della mafia nigeriana a casa del trafficante di marijuana: arrestato

Preso un altro pusher

La mafia nigeriana torna ad affacciarsi sul mercato torinese della droga. Gli investigatori della squadra mobile hanno arrestato, in due distinte operazioni mercoledì 16 e giovedì 17 ottobre 2019, due spacciatori, un gambiano di 28 anni e un nigeriano di 32 anni. Durante la perquisizione a casa del secondo, in via Monte Rosa, sono stati sequestrati due baschi col fregio del gruppo mafioso Black Axe, un'ascia stilizzata che rompe le catene. Si tratta del primo gruppo criminale nigeriano scoperto anni fa.

Il gambiano era fermo alla fermata del tram 4 in corso Giulio Cesare con uno zainetto in spalla. Sembrava che volesse controllare di non essere seguito da nessuno. Gli agenti della sezione antidroga sono saliti alla fermata successiva rispetto alla sua e hanno trovato un chilo di marijuana nel suo zaino.

Il giorno successivo i loro colleghi della sezione contrasto al crimine diffuso (in gergo i 'falchi') sono intervenuti nell'appartamento del nigeriano, al quarto piano di un palazzo. Qui, oltre ai baschi, in un armadio è stato trovata una busta con quasi mezzo chilo di marijuana.

"Le indagini proseguono - dichiara il dirigente della squadra mobile, Marco Martino -. I simboli lasciano aperte delle ipotesi di vicinanza ai cosiddetti 'cult', i gruppi mafiosi nigeriani. Ogni attività non si limita all'arresto e al sequestro - prosegue - ma analizza ogni elemento che risulta presente sulla scena del crimine e nelle abitazioni dei soggetti indagati. Tutto questo significa che questi soggetti ci sono e sono attivi in provincia ma anche che l'azione di contrasto da parte della polizia di Stato e della procura è altrettanto attiva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento