Cronaca

Tradizione e innovazione: i migliori bar torinesi, secondo il Gambero Rosso

Caffè storici e locali moderni, i riconoscimenti ai locali che a Torino come nel resto della regione non sono mai stati "solo" bar

A Torino i bar e i caffè sono da sempre qualcosa di più di un locale dove consumare un espresso al volo e tornare ai propri doveri. Nei bar di Torino si sono riuniti politici e garibaldini, si sono sperimentate nuove ricette per dolci e bevande che hanno conquistato il cuore e il palato di residenti e illustri ospiti. Ancora oggi i turisti che visitano la nostra città non possono fare a meno di entrare in locali antichi o moderni per assaporare specialità d'eccellenza e anche per conoscere e comprendere meglio la nostra cultura e il nostro stile di vita, di cui il bar è un punto fermo.

È quindi naturale scorgere una folta presenza di nomi torinesi e piemontesi tra i migliori Bar d'Italia indicati nella classifica della nuova guida di Gambero Rosso.

Con i suoi “chicchi” e le sue “tazzine”, la pubblicazione del Gambero Rosso è da una parte un riconoscimento ai baristi e ai lavoratori delle torrefazioni sparse per l'Italia, ma soprattutto è una raccolta di consigli utili per i milioni di amanti del caffè che vivono in Italia e che sia quando sono a casa sia quando viaggiano ricercano i locali e i prodotti migliori della tradizione italiana.

Per il Piemonte, nella massima categoria “tre tazzine e tre chicchi” i bar dell'anno nominati sono Canterino a Biella e Relais Cuba Chocolat a Cuneo. Tra i caffè storici e dei grandi alberghi i locali nostrani premiati sono Converso a Bra e poi due nomi noti per i torinesi: Baratti & Milano e Mulassano, che insieme a Platti compone un terzetto di caffè “stelle” che per dieci anni di fila hanno conquistato l'onorificenza massima del Gambero Rosso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tradizione e innovazione: i migliori bar torinesi, secondo il Gambero Rosso

TorinoToday è in caricamento