Spaccate a raffica utilizzando la Giulietta, due nuovi arresti

Ai 16 colpi già contestati alla banda se ne aggiungono due, uno nell'Imperiese e l'altro a Reggio Emilia. Le persone in carcere salgono così a cinque

Una delle Alfa Romeo Giulietta utilizzata per le spaccate

Due nuovi arresti (anche se uno dei destinatari era già in carcere per altra causa) sono stati effettuati dai carabinieri e dalla polizia stradale nell'ambito dell'operazione 'Fast Juliet' sulle spaccate nei negozi di Piemonte, Liguria e Toscana in cui erano finiti in carcere tre malviventi lo scorso aprile.

Ai primi 16 episodi contestati alla banda si sono aggiunti nuovi colpi, alcuni nel torinese e altri ai danni di una profumeria di Diano Marina (Imperia) e del supermercato Coop di Novellara (Reggio Emilia).

Ai tre romeni di 31, 37 e 38 anni già detenuti da aprile si aggiungono dunque, da mercoledì 21 giugno 2017, altri due romeni di 29 e 36 anni, anche loro residenti a Torino. Per tutti l'accusa è di furto aggravato e ricettazione.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri della compagnia di Rivoli e dai poliziotti della squadra investigativa della stradale di Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Fine settimana in zona arancione, in Piemonte scatta la zona gialla da lunedì 11 gennaio

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

  • Normativa anticovid, controlli nelle aree verdi di Torino: sanzionati 16 sportivi

Torna su
TorinoToday è in caricamento