menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I gestacci davanti alle telecamere dopo il furto in uno dei video dei carabinieri

I gestacci davanti alle telecamere dopo il furto in uno dei video dei carabinieri

Furti in casa: sgominata gigantesca banda, 28 arresti

Gestacci alle telecamere

I carabinieri hanno sgominato una gigantesca organizzazione di georgiani dedita ai furti in appartamento mediante il sistema della 'chiave bulgara'. Sono state arrestate 28 persone, la scorsa settimana, tra il 18 e il 22 settembre 2017, tra Italia e Germania. Le indagini sono state condotte dai militari della compagnia di Chivasso coordinati dal pm Roberto Sparagna. Gli episodi criminali contestati sono stati 28 dal mese di dicembre 2015, in abitazioni o uffici assicurativi nelle province di Torino, Savona, Alessandria, Cuneo e Pavia.

La palestra dello scasso

Tra le altre cose è sono stati scoperti una “palestra dello scasso” in via Sportorno a Torino, dove i membri della banda si allenavano per migliorare i tempi di apertura delle serrature di porte e casseforti, e un deposito per lo stoccaggio della refurtiva a Reggio Emilia (gestito da una coppia di corrieri georgiani, anche loro tra gli arrestati). Tutto quanto veniva rubato era poi spedito in Georgia. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di ricettazione e associazione per delinquere finalizzata al furto in abitazione.

Esponenti della mafia georgiana

Secondo gli investigatori il gruppo criminale costituisce una diramazione locale del più ampio clan di Kutaisi, nato nell’omonima città georgiana, attivo in tutta Europa nella commissione di reati contro il patrimonio. Tra questi c'è anche il capo, un cosiddetto 'ladro in legge' di 29 anni, che guidava l'organizzazione e ha continuato a farlo anche lo scorso agosto quando è stato trasferito al centro di rimpatrio di corso Brunelleschi perché trovato in possesso di documenti falsi e clandestino sul territorio italiano.

Le squadre per i colpi

I colpi venivano organizzati con l'utilizzo di apposite squadre. C'eraano quelle per i sopralluoghi, che segnavano gli appartamenti da colpire con minuscole calamite che non venivano notate dalle vittime, quelle per i furti veri e propri, che riuscivano ad aprire qualsiasi tipo di serratura senza lasciare traccia di scasso (soltanto raramente avveniva che il proprietario dell'appartamento se ne accorgesse perché non riusciva ad aprire) e quelle che facevano da vedetta per evitare che le altre venissero individuate. Una volta all'interno delle case, i ladri portavano via tutto ciò che trovavano, compresi anche capi d'abbigliamento che poi venivano rivenduti in Georgia.

Gestacci davanti alle telecamere

Nei video che hanno inchiodato i ladri emerge anche questi agivano con spavalderia, incuranti anche delle telecamere di sorveglianza installate nei condomini degli appartamenti che svaligiavano. In alcuni di questi si vedono i componenti della banda rivolgere apertamente gestacci al loro indirizzo, in particolare dopo un furto avvenuto in corso Brunelleschi.

Indagini su altri 85 colpi

Gli 85 colpi accertati, il cui bottino sfiora il milione di euro, non sono gli unici di cui la banda è stata protagonista. Ne sono infatti avvenuti altrettanti con le medesime modalità, obiettivi del tutto simili e refurtiva identica che gli investigatori non sono ancorqa riusciti a tracciare. Le indagini prosesuono in questa direzione.

IL VIDEO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento