menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manomissione del bancomat di piazza Adriano, arrestato in flagrante un 36enne

E' stato denunciato da un cittadino e fermato poco dopo dalla Polizia di Stato. Dopo un tentativo di fuga, il trentaseienne è stato raggiunto. Addosso aveva una chiavetta usb con programmi per codificare i codici dei bancomat

La manomissione dei bancomat al fine di acquisire i codici dei clienti è una battaglia che da tempo banche e forze dell'ordine stanno combattendo. I sistemi tecnologici sofisticati non sono ancora riusciti però ad allontanare i ladri "clonatori" di bancomat.

Proprio qualche giorno fa un trentaseienne di origini romene e residente a Novara è stato arrestato nei pressi di piazza Adriano per il reato di installazione di apparecchiature per la clonazione dei bancomat e denunciato per il reato di danneggiamento privato.

Era stata una segnalazione a dare l'allarme alla Questura di quanto stava accadendo in piazza Adriano. Due agenti della Squadra Volanti sono rapidamente intervenuti sul posto e lo hanno beccato con le mani nel sacco. L'uomo ha provato a fuggire, abbandonando tra l'altro un paio di pinze, un cacciavite, un cacciavite modificato a cui era stata attaccata al manico una batteria di cellulare che alimentava una piccola lampadina montata sull’altra estremità del cacciavite, ma è stato raggiunto dai poliziotti.

In tasca il romeno aveva una chiavetta usb contenente alcuni programmi informatici utilizzati per la codifica dei codici delle tessere bancomat.

Prima di portarlo in Questura gli agenti hanno perquisito l'auto dell'uomo. All'interno sono stati trovati diversi strumenti e apparecchi atti alla manomissione dei bancomat, nonché una plancia in plastica contenente 4 batterie di cellulare collegate ad un circuito elettronico ed ad una microcamera da cellulare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento