Bancomat manomessi, una forchetta nella bocchetta bloccava il denaro: 2 arrestati

Fermati dalla polizia postale i due pregiudicati che erano in attesa di monetizzare l’ultimo colpo in via Nizza - VIDEO

I due “cash trappers” arrestati in flagranza di reato, solo nell’ultimo mese, avevano monetizzato più di 10.000 euro. A Torino sono state oltre quindici le denunce presentate alla Polizia Postale e delle Comunicazioni da Direttori di filiali di Poste e privati cittadini, derubati del proprio denaro a seguito della mancata erogazione del contante richiesto in fase di prelievo. 

Il Compartimento Polpost di Torino ha attivato un “pedinamento” informatico dei banditi incrociando dati e immagini fornite dalle filiali oggetto di attacco. I criminali, prelevato il denaro con una “carta civetta”, inserivano nell’erogatore una “forchetta” per trattenere le banconote. Appostati nei pressi dei bancomat, attendevano quindi che il malcapitato effettuasse il prelievo che formalmente andava a buon fine, ma senza erogazione del contante. Trattenuto, appunto, dalla “forchetta” inserita nella bocchetta. 

Poi, una volta che la vittima si fosse allontanata senza soldi, si precipitavano nei pressi dello sportello per prelevare il denaro incastrato. Sono stati però fermati definitivamente proprio mentre erano in attesa di monetizzare l’ultimo colpo alla filiale di Poste nella centrale Via Nizza.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento