Cronaca

Bambino nasce morto all'ospedale di Rivoli, genitori accusano i medici

Sarà la Procura a dover fare chiarezza. Il parto è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorsi ma, quando il bambino è venuto al mondo, il suo cuoricino non batteva già più. Colpa di una trombosi al cordone ombelicale

La Procura di Torino ha aperto un'inchiesta sul caso di un bambino nato morto all'ospedale di Rivoli nella notte tra venerdì e sabato scorsi. A portare a conoscenza il caso alla Procura, sono stati i carabinieri che hanno raccolto la denuncia presentata dalla donna di trent'anni. Una denuncia in cui la donna parla di qualcosa che è andato storto - secondo lei - magari a causa di un macchinario guasto.

Quando il bambino è venuto al mondo il suo cuoricino era già fermo. Alla Procura toccherà capire il perché, stando anche alla ricostruzione fatta dalla donna e dal marito, che hanno raccontato di essere arrivi in ospedale alle ore 3.40 e di avere chiesto più volte un parto cesareo, ma i medici hanno fatto nascere il bambino - già deceduto - con il parto naturale. La donna accusa che si è aspettato troppo.

Il suo bambino è morto a causa di una trombosi al cordone ombelicale, senza che si fosse minimamente sospettato che qualcosa potesse andare storto. I medici hanno provato a rianimare il piccolo per oltre un'ora, ma il suo cuoricino non ha più ripreso a battere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino nasce morto all'ospedale di Rivoli, genitori accusano i medici

TorinoToday è in caricamento