rotate-mobile
Cronaca Caselle Torinese / Strada Salga, 3

Bambino di cinque anni inghiottì un punteruolo: il ministero pagherà 80mila euro

Il tribunale ha stabilito il maxi-risarcimento dopo che è stata accertata un'invalidità permanente del 16%

Il ministero dell'istruzione dovrà pagare un maxi-risarcimento di 80mila euro ai familiari del bambino di cinque anni (che oggi fortunatamente ne ha dieci) di Caselle Torinese che nell'ottobre 2012 ingoiò un punteruolo alla scuola materna Andersen e fu salvato dai medici dell'ospedale Regina Margherita di Torino.

Una perizia effettuata sul bambino nel corso del processo civile ha infatti accertato un'invalidità permanente del 16%. Il tribunale di Torino ha quindi riconosciuto che, anche se si può ritenere legittimo l'uso deu punteruoli durante l'attività didattica, vi è stata una disattenzione dell'insegnante che non si è accorta che il bambino ne aveva ingerito uno. Da qui la condanna del ministero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino di cinque anni inghiottì un punteruolo: il ministero pagherà 80mila euro

TorinoToday è in caricamento