Bambina di due anni soffocata da un boccone, muore dopo alcuni giorni di coma

Donati gli organi

L'ospedale Regina Margherita, dove è deceduta

Una bambina di due anni e mezzo, Gloria Rocci, residente a Condove è morta venerdì 16 agosto 2019, dopo alcuni giorni di coma, all'ospedale Regina Margherita di Torino.

Si era soffocata con un boccone durante una cena a casa di amici dei suoi genitori, in via Vigliani 184 a Torino, la sera del 12 agosto. La situazione era apparsa subito drammatica.

I familiari hanno dato l'assenso all'espianto degli organi. Domani, lunedì 19, si terrà l'autopsia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del caso si sta occupando la polizia che eseguito la segnalazione in procura. Nulla comunque fa pensare a qualcosa di diverso da un tragico incidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento