Occupa una casa poi ferisce gli agenti intervenuti: 22enne arrestato

E’ responsabile di violazione di domicilio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

Immagine di repertorio

Il proprietario di una baita situata a Borgofranco d’Ivrea venerdì scorso, 19 gennaio, si è accorto che qualcuno stava soggiornando nella sua abitazione ed ha chiamato gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza “Ivrea e Banchette”.

La porta era già stata manomessa e dalle finestre era possibile notare in una camera dei vestiti appoggiati sul letto, la stufa a legna accesa e del disordine in cucina. Poiché nessuno rispondeva dall’interno dei locali, gli agenti, dopo essersi qualificati, accedevano nell’alloggio aperto tramite l’intervento dei vigili del fuoco.

Una volta all’interno venivano aggrediti da un uomo armato di qualsiasi oggetto contundente trovato, utile per allontanare gli agenti e guadagnare la fuga. Nonostante i colpi subiti, i poliziotti riuscivano a rendere inoffensivo l’aggressore tramite l’uso dello spray urticante in dotazione.

Si tratta di un 22enne rumeno, senza fissa dimora, con precedenti specifici. Gli agenti lo hanno arrestato per violazione di domicilio, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e lo hanno denunciato per aver fornito false generalità. Due poliziotti hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 5 giorni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento