menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Circuisce la nonna di 86 anni, un anno di carcere per la badante

Una signora romena di 46 anni è stata accusata dal tribunale d'Ivrea per circonvenzione d’incapace. La storia risale al 2007

Un anno e 4 mesi di carcere per circonvenzione d’incapace. E' quanto ha stabilito nei giorni scorsi il tribunale d'Ivrea, una condanna ai danni di una badante romena di 46 anni che per lungo tempo si sarebbe approfittata di una donna di 86 anni residente a Favria.

Questa la storia che risale al 2007: la donna romena, residente a Rivarolo Canavese con il marito 52enne, era riuscita dopo cinque anni e mezzo di lavoro a farsi assegnare la casa della nonnina. A far sorgere il dubbio nei parenti una fattura per una prestazione notarile. L’anziana, infatti, si era recata da un notaio per firmare un nuovo testamento. Cosa che ha fatto sorgere più di un dubbio ai nipoti.

Con il nuovo atto la donna lasciava la casa alla badante. Firma che non avrebbe inserito da sola in quanto la donna, all'epoca dei fatti, non era nel pieno delle sue facoltà. Da qui l'accusa della famiglia. Ci sono poi voluti otto anni per giungere alla sentenza di primo grado. La condannata presenterà ricorso in appello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento