Cronaca

Tav, avviso di garanzia per Perino e denuncia per due amministratori

Le forze dell'ordine hanno recapitato un avvio di garanzia al leader dei No Tav, che replica: "E' una giustizia ad orologeria". Denunciati anche sindaco e vice-sindaco di San Didero

Un avviso di garanzia è stato recapitato ieri dalle forze dell’ordine ad Alberto Perino, leader dei No Tav. Ed oggi è prontamente arrivata la replica, a margine della conferenza stampa convocata a Torino per presentare l'appello del Movimento sulla democrazia e la legalita' in Val di Susa. “Non capiamo perché i magistrati abbiano aspettato un anno a tirare fuori dal cappello la denuncia penale – si è interrogato lo stesso Perino –: probabilmente aspettavano il momento buono per fa succedere la bagarre”.

I fatti contestati risalgono al 12 gennaio 2010, quando un'occupazione dell'area dell'autoporto di Susa impedì lo svolgimento dei necessari sondaggi da parte di Ltf. Oltre a Perino, sono stati denunciati anche il sindaco ed il vice-sindaco di San Didero, Loredana Bellone e Giorgio Vair: per loro l’accusa è di invasione di terreni ed edifici e deturpamento e danneggiamento di cose altrui, con l'aggravante di aver trasgredito alla legge in un gruppo composto da più di dieci elementi.

Denunciate anche altre sei persone, riconducibili a centri sociali ed area anarchica. “Cosi' possono avvalorare la tesi di connivenze tra centri sociali e amministratori – si è indignato Perino –. Si tratta di una giustizia a orologeria”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav, avviso di garanzia per Perino e denuncia per due amministratori

TorinoToday è in caricamento