Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Venaria Reale

Avvelenò i suoceri con un narcolettico, chiesti 13 anni per la nuora

La donna, una 36enne, fu arrestata lo scorso anno a Venaria Reale. Lei ha sempre negato le accuse: "Volevo soltanto tranquillizzarli"

Tredici anni di carcere. E' la richiesta formulata dal pm Marco Sanini per un'italiana di 36 anni accusata di avere avvelenato i suoceri, a Venaria Reale, aggiungendo un narcolettico al cibo che somministrava loro.

La donna, difesa dagli avvocati Silvana Fantini ed Emanuele Marcovina, è accusata di tentato omicidio aggravato ma si è sempre detta innocente: "Volevo soltanto tranquillizzarli", ha sempre sostenuto. I legali, oltre a chiedere le attenuanti generiche, hanno chiesto di derubricare il reato a lesioni perché "il quantitativo di Serenase (il narcolettico, ndr) somministrato non avrebbe potuto causare la morte dei suoceri".

La somministrazione del farmaco aveva provocato seri danni nella coppia di anziani: in un'occasione il suocero, stordito, era caduto e si era rotto il femore; stessa sorte per sua moglie, che se l'era cavata con la frattura di uno zigomo.

Le parti civili nel processo (i genitori, il marito, la figlia minorenne della coppia e la sorella del marito) hanno chiesto una provvissionale complessiva di un milione e centomila euro per voce dell'avvocato Francesca Violante. 

Lo scorso settembre la Cassazione aveva stabilito che la donna deve restare in carcere perché pericolosa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvelenò i suoceri con un narcolettico, chiesti 13 anni per la nuora

TorinoToday è in caricamento