menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'inchiesta è nata dalla segnalazione di un gruppo di cittadini

L'inchiesta è nata dalla segnalazione di un gruppo di cittadini

Avigliana, Guariniello apre un'inchiesta sull'inquinamento in galleria

Le due gallerie 'Antica di Francia' e 'Montecuneo' furono realizzate in occasione delle Olimpiadi. L'Arpa ha segnalato "l'inadeguatezza degli impianti di ventilazione" e livelli elevati di polveri inalabili

Sono stati trovati agenti inquinanti "in elevata concentrazione" all'interno delle due gallerie della variante all'ex statale 589, ad Avigliana. Le analisi sono state effettuate dall'Arpa Piemonte su mandato della Procura di Torino. Il pubblico ministero Raffaele Guariniello coordina l'inchiesta, nata dalla segnalazione di un gruppo di cittadini. Il pm ha annunciato che indagherà i vertici della Sitaf, la società che ha in gestione il tratto stradale, per omissione di cautele sui luoghi di lavoro.

Venerdì mattina l'Asl di zona ha effettuato un sopralluogo per valutare la salubrità dell'aria nelle gallerie e indicare una serie di prescrizioni che dovranno essere adottate dal gestore. Le due gallerie in questione, la 'Antica di Francia' di 500 metri e la 'Montecuneo' di 1900 metri, furono realizzate in occasione delle Olimpiadi invernali Torino 2006 per sgravare l'abitato di Avigliana dal traffico di attraversamento. L'Arpa ha segnalato "l'inadeguatezza degli impianti di ventilazione e aspirazione" delle gallerie e livelli elevati di polveri inalabili (derivanti da usura del manto stradale, degli pneumatici e dei freni, oltre che dalle emissioni dei motori diesel), di nichel, di organici tra i quali il benzene, di idrocarburi policiclici aromatici tra i quali il benzopirene e di biossido di azoto.

Sempre secondo l'Arpa, "gli impianti non sono dimensionati per il volume di traffico all'interno delle gallerie e il naturale ricambio d'aria è insufficiente anche in quella più breve, a causa delle code che si formano alla rotonda dell'intersezione con la statale 25". L'ipotesi di reato di omissione di cautele antinfortunistiche si configurerebbe, secondo la Procura, per la continua presenza di addetti manutentori all'interno delle gallerie. La relazione é stata trasmessa anche ai Vigili del fuoco e al Ministero dei Lavori Pubblici.

L'intero consiglio d'amministrazione della stessa Sitaf, invece, è stato indagato dallo stesso pm per la medesima ipotesi di reato nell'ambito dell'inchiesta sugli impianti antincendio nelle gallerie dell'autostrada A32 Torino-Bardonecchia. Secondo un sopralluogo effettuato dai vigili del fuoco lo scorso inverno, tre non erano risultate in regola: la Giaglione di 2.542 metri, la Ramat di 1.414 metri e la Serre-la-Voute di 1.519 metri. In particolare, erano state riscontrate le mancanze di idranti a distanza di 250 metri l'uno dall'altro e l'assenza di pressione d'acqua continua in quelli presenti, in particolare d'inverno, quando la rete idraulica è mantenuta a secco a causa delle basse temperature. Tale problema é dovuto al fatto che la rete idrica dei tre tunnel corre in superficie anziché essere interrata. (ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento