Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Corso Unità D'Italia

Due mesi di ritardo, attivo ad agosto l'autovelox di corso Unità

La Giunta Comunale ha dato il via all'attivazione del nuovo impianto di controllo della velocità di corso Unità d'Italia, installato in corrispondenza della passerella Bayley che passa sopra il corso

Il nuovo autovelox di corso Unità d'Italia

Doveva entrare in funzione a fine maggio - stando alle parole arrivate dall'assessorato alla Viabilità di Torino - invece l'autovelox di corso Unità d'Italia sarà attivo dal prossimo primo agosto. L'annuncio ufficiale è seguito dall'inizio dell'installazione della segnaletica orizzontale e verticale che annuncia il nuovo impianto dai propositi onesti: quello di far rallentare gli automobilisti dal piede pesante in un tratto di strada in cui correre è all'ordine del giorno.

L'autovelox è già visibile in corrispondenza della passerella Bayley. Da agosto fotograferà tutte le auto che andranno oltre i 70 chilometri orari, esattamente come già succede nella telecamera fissa da anni installata in corso Regina Margherita. La sanzione arriverà direttamente a casa con il codice per vedere la foto dal sito del Comune.

Il costo totale del nuovo impianto è di 366 mila euro. La città di Torino non lo ha pagato interamente, ma è stata finanziata per il 50% dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Sempre in tema di controlli sulle strade cittadine, c'è un aggiornamento su corso Moncalieri. Durante la scorsa legislatura era stato installato un autovelox fisso che permetteva un massimo di 50 chilometri orari. Vista la struttura della carreggiata è stato spento qualche mese fa, perché non conforme alle norme di legge. A quanto pare l'assessorato del comune di Torino si è messo in contatto con la Prefettura e la Polizia Stradale per effettuare le modifiche alla viabilità necessarie per una riattivazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due mesi di ritardo, attivo ad agosto l'autovelox di corso Unità

TorinoToday è in caricamento