Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Causò tre morti in autostrada contromano, Satap e Ativa indagate

L'incidente avvenne nel 2008: in quell'occasione morirono tre persone. Ora due amministratori delegati di Satap e Ativa sono stati rinviati a giudizio

Bisogna che le società che gestiscono autostrade e tangenziali prendano provvedimenti per evitare che gli automibilisti imbocchino la carreggiata contromano: è quanto emerge tra le righe della sentenza di rinvio a giudizio di G. L., amministratore delegato di Satap, e di G.O., amministratore delegato di Ativa,  che sono stati accusati di omicidio colposo per via della morte di tre persone in una terribile catena di incidenti che è avvenuta il 14 agosto 2008.

L’incidente venne causato da un automobilista che aveva intrapreso la Torino-Piacenza nel senso di marcia contrario. Per evitare la vettura condotta da Diego Olivetti un altro automobilista, Alberto Santillo, perse la vita, mentre un motociclista, Andrea Tamagnone, morì per un frontale.

Olivetti aveva imboccato l’autostrada a Villanova d’Asti, entrando in tangenziale a Trofarello. Secondo i pm Raffaele Guariniello ed Elisa Buffa, sarebbero mancati degli accorgimenti cha avrebbero evitato la tragedia: dalla segnaletica adeguata ai dispositivi ottici e acustici.

Olivetti, inoltre, sarebbe stato dimesso dalla casa di cura di Bra, dove era stato ricoverato perché il reparto dovevavc chiudere per ferie: il suo trasferimento in un’altra struttura non era stato organizzato. Sembra che si allontanasse talvolta per darsi all’alcool. Così, la Procura ora indaga anche su due medici della casa di cura, mentre anche per i responsabili della sicurezza di autostrade e tangenziali è stato richiesto il rinvio a giudizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Causò tre morti in autostrada contromano, Satap e Ativa indagate

TorinoToday è in caricamento