Morte Erika Pioletti, l'autopsia conferma l'infarto da schiacciamento del torace

Quando la 38enne venne rianimata il danno encefalico era già gravissimo. La procura di Torino sta procedendo per omicidio colposo

Immagine di repertorio

Morta dopo 12 giorni in un letto del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco.

E' stata eseguita l'autopsia sul corpo di Erika Pioletti, la 38enne di Domodossola che ha perso la vita per le conseguenze dei traumi riportati la sera del 3 giugno in piazza San Carlo.

Erika si era recata nel Centro di Torino, per vedere la finale di Champions League tra la Juventus e il Real Madrid.

L'esame ha confermato che la donna avrebbe riportato un arresto cardiaco da schiacciamento del torace. Quando la 38enne venne rianimata il danno encefalico era già gravissimo.

Il tipo di trauma riconduce a una fortissima compressione del corpo o un calpestamento: azioni che impediscono la corretta espansione del torace. La procura di Torino sta ora procedendo per omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento