Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Strada Bardassano

Cadavere carbonizzato nell'auto incendiata a Gassino Torinese: autopsia, si è trattato di un suicidio

Nessun segno di violenza precedente

I carabinieri ieri mattina sul posto del ritrovamento dell'auto incendiata a Gassino Torinese

È stato quasi certamente un suicidio quello avvenuto nella prima mattinata di ieri, giovedì 3 giugno 2021, tra le vigne di strada Bardassano a Gassino Torinese. Il corpo carbonizzato trovato all'interno della Fiat Panda è effettivamente quello che si ipotizzava, ossia di un 61enne italiano di Chivasso amico della proprietaria della vettura, che invece abita a Torino e che gliel'aveva prestata un mese fa.

L'autopsia, eseguita in mattinata dal medico legale Roberto Testi su incarico del pm Alessandro Gallo della procura di Ivrea, che ha coordinato le indagini dei carabinieri della compagnia di Chivasso, non ha evidenziato alcun segno di violenza sul cadavere e ha riscontrato presenza di fumo nella trachea del cadavere, segno che non era stato ucciso prima ma era nel veicolo quando questo ha preso fuoco. L'uomo avrebbe quindi compiuto il gesto in modo autonomo dopo essere uscito di casa intorno alle 7. Il caso si avvia così verso la conclusione.

Dove e come chiedere aiuto

Parlare di suicidio non è semplice. Se stai vivendo una situazione di emergenza puoi chiamare il 112. Se sei in pericolo o conosci qualcuno che lo sia puoi chiamare il Telefono Amico al numero 02 2327 2327 (servizio attivo tutti i giorni dalle 10 alle 24) oppure puoi metterti in contatto con loro attraverso la chat di Whatsapp al numero 345 036 1628 (servizio attivo tutti i giorni dalle 18 alle 21). Altrimenti puoi rivolgerti a Samaritans Onlus al numero 06 77208977 (costi da piani tariffari del tuo operatore), un servizio attivo tutti i giorni dalle 13 alle 22.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadavere carbonizzato nell'auto incendiata a Gassino Torinese: autopsia, si è trattato di un suicidio

TorinoToday è in caricamento