menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ll Pdl all'attacco: 11 domande su Amiat, e a settembre una manifestazione

Il Pdl va all'attacco sulla gestione di Amiat: undici diversi quesiti sottoposti a Fassino e l'annuncio di una manifestazione a settembre

Contro i probabili aumenti dei costi dei rifiuti in autunno il Pdl piemontese va all’attacco. In previsione dell’approvazione del bilancio preventivo del Comune di Torino, assieme a riforme Tarsu e Imu, il Pdl annuncia una grande manifestazione a settembre.

I consiglieri regionali del Pdl hanno oggi spiegato in una conferenza stampa che il sindaco Piero Fassino riceverà a ore un'interrogazione con richiesta di risposta scritta o un'interpellanza generale (la cosa non è ancora stata decisa) con undici diversi quesiti sull'Amiat.

Le domande verteranno sui "continui aumenti dei costi per i cittadini - ha detto il capogruppo Andrea Tronzano - a fronte di un continuo aumento del debito di Amiat e dei relativi oneri finanziari", sul rischio di evasione della tassa "considerato - ha aggiunto il consigliere - che alla Camera di Commercio sono iscritte 112.000 aziende a fronte delle 72.000 alle quali il Comune chiede di pagare la tassa rifiuti".

Secondo Michele Coppola, assessore regionale alla Cultura, "La debacle dell'Amiat dimostra il fallimento del modello di capitalismo pubblico cittadino a cui da anni lavora questo Comune e ci spinge a chiedere al Comune di smettere con questa politica dismettendo anche la maggioranza di Amiat nella speranza che i privati facciano meglio, anche solo un po', di quanto fatto fino ad ora. Così non si può andare avanti: per i cittadini, ma soprattutto per i commercianti, il fantasma della Tarsu di settembre e la confusione su queste materie, sono una mannaia insopportabile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento