In Piemonte crescono i controlli antiterrorismo, Spataro precisa: "Niente allarmismi"

Dopo i fatti di Parigi, in Italia e anche nella nostra Regione si è alzata la soglia dell'attenzione. Tuttavia non sono in atto ricerche di soggetti particolari

Armando Spataro

Dopo i terribili fatti di Parigi, anche in Piemonte cresce l'attenzione per quanto riguarda il rischio terrorismo. Tuttavia, non sarebbero in corso specifiche indagini volte alla ricerca di soggetti particolari: secondo l'Antiterrorismo, nel capoluogo piemontese e nel resto della regione, vi è solo un aumento generale dei controlli, in via del tutto preventiva.

La situazione attuale sarebbe in linea con quanto espresso in questi giorni da Armando Spataro, procuratore capo di torino e magistrato  con consolidata esperienza nell'ambito della lotta al terrorismo internazionale. Spataro ha partecipato da poco, a Roma e insieme ad altri procuratori, ad una riunione con i ministri della Giustizia Andrea Orlando e dell'Interno, Angelino Alfano.

"È necessario agire con ragione - aveva dichiarato Spataro, commentando l'attentato di Parigi - e avere fiducia nelle istituzioni che sanno e possono agire nel migliore dei modi. E' importante avere un atteggiamento razionale. Vanno evitati allarmismi indiscriminati. Nello stesso tempo - aveva aggiunto - tutti i procuratori delle procure medio-grandi italiane oggi chiedono un'unica procura anti terrorismo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento