Cronaca

Dal 1° gennaio rincari in autostrada: al casello della Torino-Milano aumento del 4,6%

Gli aumenti dei pedaggi, su alcune tratte, non tengono conto però dei continui disagi cui sono sottoposti i viaggiatori da anni, a causa dei cantieri infiniti

Il 1° gennaio entreranno in vigore gli aumenti ai caselli autostradali. Il decreto del Ministero dei Trasporti ha stabilito con un decreto, i rincari in tutto il Paese, ma in Piemonte quello più salato è l'aumento che riguarda la Torino-Milano. Le cifre da pagare aumenteranno del 4,60% e poco importa se la tratta in questione sia costellata, da più di dieci anni, da cantieri e quindi da continui disagi per i viaggiatori.

Anche la Torino-Savona subirà un sostanzioso rincaro, +2,46%, mentre sulla Torino-Piacenza l'aumento sarà dello 0,88% ai caselli della tangenziale di Torino. Ma il pedaggio aumenterà solo per alcune categorie di mezzi. Ativa non ha infatti aumentato i costi per le vetture di tipo "A". Aumentano tuttavia, anche se di soli 20 centesimi, gli abbonamenti mensili relativi alla tangenziale, che passerà da 28,10 euro a 28,30 euro. Non subiranno rincari invece la già salata Torino-Bardonecchia, la Asti-Cuneo e la Quincinetto-Aosta. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 1° gennaio rincari in autostrada: al casello della Torino-Milano aumento del 4,6%

TorinoToday è in caricamento