Lo stupratore seriale di ragazzine è in carcere, Atc chiede al figliastro i soldi delle utenze

"È l'unico reperibile"

immagine di repertorio

Si torna a parlare del caso dello stupratore seriale di ragazzine del quartiere Regio Parco, il buttafuori, oggi 46enne, che nel biennio 2008-09 aveva costretto il figliastro minorenne ad ammanettare e bendare le sue fidanzatine (due delle quali appena 13enni) per poi sostituirsi a lui, costretto addirittura a uscire di casa, e violentarle. Per quegli episodi l'uomo è stato condannato a 14 anni e sette mesi di carcere ma anche scontando la pena la sua ombra si è allungata nuovamente sul figliastro, che oggi ha 25 anni e sta per entrare nell'esercito dopo avere vinto un concorso: prenderà servizio il 15 luglio 2020.

Atc, proprietaria dell'appartamento in cui avvenivano le violenze, ha chiesto al ragazzo 15mila euro per utenze mai pagate, da aprile 2013 a dicembre 2017. Il decreto ingiuntivo è arrivato a gennaio 2019. "Ho contatto i legali di Atc - spiega l'avvocato del venticinquenne, Gabriella Vogliotti - e mi hanno confermato che non intendono rinunciare alla riscossione del credito. Non verseremo mai quel denaro perché si tratta di un debito non contratto da lui, e che appartiene, anzi, all'autore del reato di cui è vittima", come ha confermato poi l'esito del processo al patrigno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Comprendiamo la situazione di disagio, ma questa è la conclusione di una procedura stabilita per legge che la nostra agenzia è tenuta ad applicare - replicano dall'Atc -. La legge regionale 3/2010, che disciplina l'edilizia sociale, e i suoi regolamenti attuativi prevedono che della morosità sul pagamento rispondano in solido tutti i componenti del nucleo familiare. La morosità è stata accumulata dal 2013 al 2017. Dopo la decadenza del contratto, nel 2018 è stata inviata una diffida formale a tutti i componenti: l'assegnataria, il coniuge e il figlio maggiorenne. In quanto unico reperibile, il ragazzo ha successivamente ricevuto tutti gli atti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento