Cronaca Aurora / Via Francesco Cigna

La vecchia Astanteria va all'asta, tra un mese l'apertura delle buste

L'ex ospedale Einaudi, terra di conquista per ladri e senzatetto, continua ad essere un problema per il borgo Aurora. Ma qualche novità potrebbe arrivare il prossimo 21 febbraio

Niente poliambulatorio o residenza per anziani. Il futuro dell’ex presidio ospedaliero Luigi Enaudi di via Cigna 34, meglio conosciuto nel quartiere con il nome di Astanteria Martini, verrà deciso da un’asta. E' di pochi giorni fa la notizia del via del bando di asta pubblica per la vendita dell'immobile abbandonato da anni ma sempre nel mirino dei ladri e dei disperati. Il termine perentorio di scadenza per la presentazione delle domande è stato fissato per il 20 febbraio del 2014. Ossia tra poco più di un mese. Le buste saranno aperte e confrontate il giorno dopo, il 21 febbraio. La cifra portata a casa dalla possibile vendita dell'immobile sarà destinata in un secondo tempo alla realizzazione del poliambulatorio ex Superga di via Verolengo.

La circoscrizione Sette e il Comune di Torino, intanto, premono per dare un’identità a quell’edificio maledetto di proprietà dell’Asl. Da anni, infatti, si rincorrono disparate voci sul futuro dei locali abbandonati del quartiere borgo Aurora. Dall’idea di creare un nuovo poliambulatorio all’opzione, balenata solo qualche mese fa, di realizzare in quel di largo Cigna una residenza sanitaria per anziani. Lo scorso novembre il presidente della circoscrizione Sette Emanuele Durante aveva persin scritto una lettera in Regione Piemonte con richiesta di un nuovo progetto in grado di cancellare il degrado che da anni regna tra le stanze di via Cigna e via Cuneo.

“Quella dell’asta è una soluzione che ci affascina e che speriamo dia i suoi frutti” ha dichiarato il coordinatore alla Sanità della circoscrizione Sette Ernesto Ausilio in merito al recupero di un edificio che potrebbe portare nuova linfa e ridare un po' di ossigeno all'economia del territorio. Nelle ultime settimane l’isolato compreso tra via Dogliani e via Cuneo non è stato più preso d’assalto dai soliti ladri di rame. Un periodo di pausa, forse, nell’attesa che siano i residenti a far scoppiare un altro campanello d’allarme. “A noi piacerebbe solo vedere di nuovo operativo quel centro” ha dichiarato Carmine, un anziano della zona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vecchia Astanteria va all'asta, tra un mese l'apertura delle buste

TorinoToday è in caricamento