Donna incinta uccisa dalla porta vetro: chi le ha venduto la casa è innocente

Sentenza: "Non hanno commesso il fatto"

immagine di repertorio

Assolti "per non aver commesso il fatto" i fratelli Armando e Pasquale Seva, 57enne di Giaveno e 52enne di Beinasco che la procura di Ivrea riteneva responsabili, e per questo aveva rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio colposo, per la morte di Manuela Rosselli e del figlio che stava per partorire. L'episodio era avvenuto nel novembre 2014 a Varisella, in via Montelera 47: la donna era rimasta ferita dal frammento di una porta vetro che le aveva reciso l'arteria femorale, senza lasciarle scampo.

I fratelli Seva erano rispettivamente colui che aveva venduto l'immobile alla famiglia della vittima e colui che, con la sua impresa, lo aveva costruito. Secondo il giudice Anna Mascolo del tribunale di Ivrea, che ha pronunciato la sentenza lunedì 16 luglio 2018, nessuno dei due è responsabile. Le motivazioni verranno rese note tra tre mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In quella sede - spiega l'avvocato Marco Stabile, che ha difeso gli imputati - verrà spiegato se l'assoluzione riguarda il fatto che i miei clienti hanno dimostrato di non aver posato loro quelle porte con i vetri non a norma in quella casa o anche perché la responsabilità penale per un fatto del genere non può essere imputata a due persone che si sono limitate a vendere una casa non essendo loro i produttori di porte, e quindi non essendo assoggettabili alla normativa comunitaria in tema di sicurezza per la vendita di prodotti che potrebbero essere difettosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

  • Tragedia nell'abitazione: donna trovata morta

  • Vanno a fare la spesa e lasciano il figlio chiuso in auto con 40 gradi: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento