Suicida dopo il triage e la fuga dall'ospedale, assolta l'infermiera

"Il fatto non sussiste"

Il pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria

Nessuna condanna per l'infermiera accusata di avere sbagliato il triage di una paziente che, presentatasi al pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria il 6 ottobre 2015 con ferite da taglio che si era autoinferta ai polsi, fu dimessa con un codice verde, tornò a casa, nel quartiere San Donato, e si suicidò gettandosi dalla tromba delle scale.

Il pm Francesco La Rosa aveva chiesto una condanna a due anni e mezzo di reclusione, ma il giudice monocratico Cristiano Trevisan (il processo si è celebrato con rito ordinario) ha ritenuto che "il fatto non sussiste" e ha quindi pronunciato una sentenza di assoluzione nella mattinata di oggi, venerdì 14 settembre 2018. Respinte anche tutte le richieste delle parti civili.

L'imputata è stata difesa nel procedimento dagli avvocati Giulia Sattanino e Matteo Bonatti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • A giudicare dai commenti, non mi stupisce che molto tempo fa al posto di Barabba il "popolo" scelse di inchiodare Gesù Cristo. E' assurdo che nel 2018 ci sia un'infermiera a fare il triage al posto di un medico, con tutte le implicazioni del caso ed uno stipendio che è nettamente diverso e sbilanciato rispetto alle responsabilità. Ma basta trovare qualcuno da condannare, no?

  • Convincete anche quei due poveri figli rimasti senza una mamma che il fatto non sussiste... W il nostro paese

  • Giudici comici

  • Concordo con Riccardo !

  • non sussiste. Berbacco direi. Oramai i giudici sovvertono la realta'.

  • Una sentenza palesemente sbagliata,purtroppo in magistratura non tutti i giudici sono all'altezza della situazione!!!la legge e'una sola,non puo'essere "interpretata"a piacimento!!!

  • Hai ragione Riccardo!

  • io sti giudici non li capisco...cosa hanno dentro la testa non si sa. Secondo me l infermiera aveva l obbligo di ricoverarla e poi metterla in una struttura adeguata alle sue esigenze mentali.Allora se questa infermiera deve visitare una bambina che é stata violentata cosa fá? la manda a casa? senza avvisare i carabinieri? che giudici

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bustarella da 5mila euro per rilanciare il vecchio centro commerciale: arrestato imprenditore

  • Cronaca

    Scavi nella casa cercando il corpo di Samira, ma nessun ritrovamento

  • Incidenti stradali

    Tamponamento nel sottopasso. Caos e disagi: una bambina finisce in ospedale

  • Cronaca

    Problemi alla stufa a legna: coppia intossicata da monossido

I più letti della settimana

  • Ragazza di 15 anni si suicida nel parco: il suo corpo trovato impiccato a un albero

  • Tir sbanda ed esce dalla tangenziale rimanendo su un fianco: carico di carne si rovescia nel fosso

  • Rapina nel supermercato: banditi armati di pistola fuggono col bottino

  • La Dea Bendata "bussa" nella cittadina: vinti 2 milioni di euro con un "Gratta e vinci"

  • Intimidazioni e attentati, operazione contro la 'ndrangheta: 16 arresti

  • Manifestazione in centro città, variano il servizio alcune linee Gtt: i dettagli

Torna su
TorinoToday è in caricamento