Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Fa un assegno circolare che gli viene clonato 17 volte: finisce pure tre volte a processo per truffa

Ma viene sempre assolto

immagine di repertorio

Tre processi in due anni per truffa, tutti conclusisi con un'assoluzione "per non avere commesso il fatto".

È la vicenda di un piccolo artigiano edile italiano residente a Nichelino, titolare di un'impresa di impermeabilizzazioni, che è finito per l'ennesima volta in tribunale a Torino dopo avere subito un furto d'identità da un truffatore vero. In tutte e tre le occasioni le vittime erano certe: nonostante le generalità fossero le sue, il truffatore non era lui. Le persone che avevano messo a segno i colpi avevano sempre sembianze totalmente diverse dalle sue.

L'ultima assoluzione dell'uomo, sempre difeso dall'avvocato Vittorio Pesavento, risale a fine dicembre 2018. Gli episodi contestati risalgono invece alla primavera-estate 2014.

Tutto è da attribuirsi, secondo il legale, a un assegno circolare emesso dall'uomo nel febbraio 2014 tramite un'agenzia torinese della Cariparma. Il falsario, anziché incassarlo, lo ha clonato riutilizzandolo 17 volte con magazzini e grossisti di città e provincia per pagare forniture di materiali, che venivano fatti ritirare da un complice.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fa un assegno circolare che gli viene clonato 17 volte: finisce pure tre volte a processo per truffa

TorinoToday è in caricamento