menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assegnazione alloggi sociali: stessi requisiti per torinesi, profughi e rifugiati

Grazie ad un provvedimento approvato dal Consiglio comunale, torinesi, profughi e rifugiati dovranno sottostare alle medesime discipline previste dal regolamento regionale

I cittadini italiani, stranieri regolari, profughi e rifugiati avranno garantita la stessa parità di trattamento nell'assegnazione di alloggi sociali in situazioni di emergenza abitativa.

A proporre la delibera, che ha ottenuto il lasciapassare di Palazzo Civico, il vicesindaco Elide Tisi. Secondo il nuovo provvedimento, non sarà sufficiente dimostrare, per i profughi ed i rifugiati titolari di protezione internazionale, di essere senza casa a causa di una situazione di emergenza abitativa. Per poter chiedere l'assegnazione di un alloggio, così come è previsto per tutti i cittadini, sarà necessario aver soddisfatto tutti i requisiti dovuti: la residenza a Torino ininterrotta per tre anni, la riduzione del reddito famigliare, il contratto di locazione regolare, lo sfratto per morosità incolpevole, così come stabilisce la legge regionale.

A partire dai prossimi mesi, tutti i residenti a Torino, indipendentemente dal loro status sociale e dalla loro provenienza dovranno sottostare alle discipline previste dal Regolamento per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sociale in emergenza abitativa” della Città di Torino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento