Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Contro la crisi ritorna "Pasto Amico": un pranzo a meno di 5,90 euro

Ritorna l'iniziativa dell'Ascom torinese alla quale hanno aderito centinaia di esercizi commerciali, gastronomie, pastifici e altri negozi di alimentari

Per combattere la crisi i commercianti offriranno dei pasti a prezzo agevolato. Un menù vario: gnocchi alla romana, lasagne al forno, arrosto di tacchino o maiale, verdure di stagione, patate al forno. Il tutto a marchio Crai e con un costo non superiore a 5.90 euro.

L’iniziativa prenderà il via lunedì 9 settembre e durerà quattro settimane: i “commercianti amici” saranno riconoscibili dalla locandina “Pasto amico, io aderisco” affissa sulla vetrina del negozio.

L’idea del “pasto amico”, promossa ancora una volta dalle Categorie dell’Alimentazione dell’Ascom torinese, nacque agli inizi della crisi, nel 2008: ciascun negozio (l’elenco è consultabile sul sito www.ascomtorino.it) potrà declinare la proporia specifica proposta di pranzo, con possibilità di variarla nelle quattro settimane previste, senza mai superare la soglia dei 5,90 euro.

Spiega Maria Luisa Coppa, presidente dell’Ascom torinese – che tanto successo ha riscosso nelle precedenti edizioni, con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze delle famiglie, in un periodo di profonda crisi economica in cui spesso si registrano forti difficoltà anche per quanto riguarda l’acquisto dei generi di prima necessità. La nostra iniziativa si configura quindi come una sorta di ‘patto di solidarietà’, in attesa di tempi migliori, fra il mondo del commercio, del ‘negozio sotto casa’, e quello dei consumatori.  Siamo tuttavia ben consci trattarsi di un temporaneo – ma in certi casi importante – palliativo ad una situazione economica di drammatica portata, che solo attraverso coraggiosi interventi da parte del mondo istituzionale e politico potranno trovare una definitiva soluzione”.  

“Anche questa volta – sottolinea Mauro Rosada, presidente del Settore Alimentare dell’Ascom – il progetto è limitato nel tempo, ma ciò non esclude,  anche in base alle adesioni che avremo, di prolungarlo o riproporlo nei mesi a venire. Magari con nuove idee e nuove proposte”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la crisi ritorna "Pasto Amico": un pranzo a meno di 5,90 euro

TorinoToday è in caricamento