Cronaca Santa Rita

Torino, per due volte in un’ora va sotto casa della ex per riavere il cane: arrestato

Con l’accusa di tentata estorsione. Durante la perquisizione, l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello da cucina nascosto nei pantaloni

Immagine di repertorio

Si è presentato due volte sotto casa della ex pretendendo la restituzione di un cucciolo di cane e per due volte la donna ha chiamato il 112 NUE. La prima volta l’uomo, un italiano di 40 anni, ha detto agli agenti di volere indietro il cucciolo, regalato alla proprietaria un mese prima, sostenendo che lei non fosse in grado di mantenerlo in quanto, a suo dire, denutrito e tenuto in cattive condizioni. Invece, per gli agenti, il cucciolo era in buone condizioni e la donna ha ribadito l’intenzione di non cedere il cane. A questo punto l’uomo si è allontanato.

Dopo un’ora la donna ha chiamato nuovamente il 112 NUE riferendo che l’ex era tornato sotto la sua abitazione. Alla vista della Volante l’uomo ha tentato di allontanarsi, senza successo. I poliziotti hanno nuovamente ascoltato la donna che ha rivelato il trascorso avuto con l’uomo e spiegato loro che la fine della relazione lo aveva portato a rivalersi sul cucciolo, con parole e gesti che avevano scatenato nella donna un forte timore per le sue sorti.

L’intervento dei poliziotti è stato richiesto sabato mattina, 14 agosto, in zona Santa Rita. Durante la perquisizione personale del 40enne, gli agenti hanno trovato un coltello da cucina di oltre 20 cm che aveva nascosto nei pantaloni. Per il 40enne, con numerosi precedenti di Polizia, sono scattate le manette per tentata estorsione e una denuncia per porto di oggetti atti ad offendere.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, per due volte in un’ora va sotto casa della ex per riavere il cane: arrestato

TorinoToday è in caricamento