Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Cit Turin / Corso Francia, 95

Ucciso in casa a Torino Cit Turin, risolto il caso: fermato un giovane. Lo ha prima strangolato e poi decapitato

Autore ha confessato. Movente economico dopo un matrimonio non andato a buon fine

Ibrahim Mohammed, la vittima. Aveva 25 anni

Un bengalese, Mostafa Mohamed di 24 anni, residente a Rosta dove lavorava, è stato fermato alla stazione di Porta Nuova nella notte di oggi, giovedì 10 giugno 2021, dalla squadra mobile della polizia per l'omicidio avvenuto la sera di martedì 8 nel palazzo di corso Francia 95 a Torino, dove è stato trovato decapitato Ibrahim Mohammed (nella foto sopra), lavapiatti suo connazionale di 25 anni. In procura alle 15 è in programma l'interrogatorio coi pm Valentina Sellaroli e Marco Sanini, che coordina le indagini, dopodiché verranno diffusi ulteriori dettagli.

Ibrahim lascia la moglie che vive in patria. La coppia aspettava un figlio. Il suo corpo è stato trovato in camera da letto da uno dei suoi coinquilini. Secondo quanto emerso dalle indagini, Ibrahim è stato prima strangolato con un cordino di nylon utilizzabile per stendere il bucato e poi decapitato con un coltellaccio. Entrambe le armi, insieme ai vestiti utilizzati quando era in casa della vittima e alle scape da ginnastica, sono state recuperate dagli investigatori. Mostafa ha confessato il delitto, sia pure in modo indiretto, dicendosi "sconvolto per il sangue quando gli ho tagliato la testa".

Il movente è di tipo soltanto economico. La vittima doveva all'assassino circa 4mila euro e, secondo quando emerso, aveva dilazionato più volte la restituzione della somma. Alla base della vicenda c'è un accordo affinché l'autore del delitto sposasse una parente della vittima: lui aveva dato il denaro, una sorta di dote, come anticipo della cerimonia e ne pretendeva la restituzione. "Possiamo dimostrare - dice Luigi Mitola, capo della squadra mobile - che l'autore del delitto è entrato a una certa ora nel palazzo e ne è uscito dopo con i vestiti cambiati". Come la vittima, anche l'assassino fa il lavapiatti.

"Riteniamo - ha detto Mitola - che Mostafa avesse intenzione di scappare perché lo abbiamo fermato in stazione con il passaporto e con una borsa".

Il video dell'arresto, del coltello e dei vestiti usati

omicidio-corso-francia-210608-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso in casa a Torino Cit Turin, risolto il caso: fermato un giovane. Lo ha prima strangolato e poi decapitato

TorinoToday è in caricamento