Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Minaccia e maltratta la madre che gli nega 350euro per la droga: arrestato  

In manette due volte in meno di una settimana

Immagine di repertorio

Arrestato la seconda volta domenica per tentata estorsione e maltrattamenti contro familiari, giovedì scorso invece per maltrattamenti in famiglia e per resistenza, violenza, minacce a pubblico ufficiale.

Le violenze che un 44enne ha messo in atto nei confronti della madre andavano avanti da tempo e negli scorsi giorni la situazione è culminata con il secondo arresto dell’uomo. Il primo intervento dei poliziotti della Squadra Volante si era reso necessario giovedì notte scorso, quando il 44enne aveva minacciato più volte la madre di morte per ottenere denaro per acquistare della sostanza stupefacente. In quella occasione era stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e per resistenza, violenza, minacce a pubblico ufficiale. Gli agenti avevano appuravato che nelle ultime settimane si erano fatti più frequenti gli episodi di violenza in quell’abitazione, ma la madre si era fatta sempre scrupoli nel denunciare il figlio.

Domenica, tre giorni dopo il primo intervento degli agenti, l’uomo appena uscito dal carcere è tornato a tormentare la madre e anche lo zio, cercando di estorcere loro con la forza e con le minacce la somma di 350 euro. Pur essendo stato colpito dalla misura del divieto di avvicinamento alla madre e ai luoghi da lei visitati, non ha esitato a presentarsi, dopo aver fatto diverse telefonate minatorie, alla porta di casa dove ha provato a dar fuoco al campanello e allo spioncino. Nel tentare di forzare la porta d’ingresso ha ferito al volto la madre, dopodiché, temendo l’arrivo della Polizia, si è dato alla fuga ma gli agenti delle volanti l’hanno rintracciato in breve tempo e arrestato per la seconda volta per tentata estorsione e maltrattamenti contro familiari. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia e maltratta la madre che gli nega 350euro per la droga: arrestato  

TorinoToday è in caricamento