Promettevano di riscattare i debiti e minacciavano con la pistola i clienti chiedendo denaro

Le vittime sono state aggredite fisicamente e verbalmente

I carabinieri della Stazione San Salvario hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, emesse dal tribunale di Torino, per estorsione e tentata estorsione bei confronti di tre italiani, di 33, 34 e 36 anni, di Torino. Le indagini hanno permesso di documentare cinque tentate estorsioni e due consumate mediante violenze fisiche e minacce di morte con l’uso di una pistola. Le indagini sono iniziate grazie al coraggio di una vittima he ha denunciato i suoi aguzzini.
 
È stato accertato che le vittime si erano rivolte al gruppo per recuperare dei soldi ma oltre a non aver recuperato il proprio denaro sono state costrette a versare loro ingenti somme per la parcella. Le richieste di denaro avanzate dagli indagati oscillavano da 1.000 a 30.000 euro in relazione alla disponibilità economica delle vittime; in alcuni casi quest’ultime sono state costrette a consegnare orologi di valore, marca Rolex, ricaricare carte prepagate o noleggiare autovetture per conto dei soggetti arrestati. 

Nell’ambito delle indagini è stata inoltre sequestrata una pistola scenica marca bruni md. 92, compresa di 50 cartucce e copiosa  documentazione probatoria relativa ai prelievi di denaro effettuati dalle vittime estorte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento