menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti in appartamento in San Paolo, nei guai padre e figlio

Utilizzavano un walkie talkie per tenersi in contatto durante i colpi: il figlio entrava negli alloggi, il padre faceva da palo fuori. Ma in via Brianzè gli è andata male

Compivano i furti in appartamento insieme: il padre stava in macchina a fare da palo e il figlio all'interno cercava contanti e monili. Ogni movimento sospetto era comunicato tramite wlakie talkie con cui i due rimanevano costantemente in contatto. L'ultimo colpo però non è andato come avevano previsto e la polizia è riuscita a fermarli.

Il figlio, 38 anni, ha scavalcato un balcone in via Brianzè e si è introdotto in un alloggio uscendone poco dopo con un borsello. Il suo intrufolarsi era stato però visto da un testimone che aveva immediatamente allertato la polizia. In pochi minuti gli agenti del Commissariato San Paolo si sono palesati davanti all'edificio incriminato, poco prima che il trentottenne ne uscisse. Una volta fuori, vedendo la volante, l'uomo ha nascosto la refurtiva in un tombino ed è corso verso l’auto parcheggiata in seconda fila e condotta dal padre di 57 anni. La fuga dei due è però stata subito interrotta dai poliziotti.

Al momento del fermo il figlio aveva addosso 350 euro e 464 dollari americani rubati nell’alloggio. Nel borsello recuperato dal tombino c’erano due cacciaviti e numerosi monili in oro. Nell’auto sono stati rinvenuti uno zaino con dentro un flessibile, guanti da lavoro, un’altra radio portatile e un ulteriore borsello contenente altri monili.

Dagli accertamenti le targhe dell'auto con cui avevano provato la fuga sono risultate essere false. Il figlio è stato arrestato per il reato di furto aggravato in appartamento e denunciato per il possesso di arnesi atti allo scasso. Il padre è stato denunciato per il concorso nel furto in appartamento, per possesso di arnesi atti allo scasso e, in relazione all’utilizzo delle targhe contraffatte, per il reato di uso in atto falso. Entrambi gli uomini sono residenti presso un campo nomadi ed hanno numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento