Cronaca

Banconote false, i carabinieri cercano la zecca nel torinese

In meno di una settimana i carabinieri hanno arrestato quattro persone che hanno tentato di pagare utilizzando banconote da 100 euro contraffatte. Si indaga per trovare la zecca clandestina

In una settimana i carabinieri del Comando Provinciale hanno fermato quattro persone che hanno tentato di smerciare 100 euro falsi, arrestandoli tutti. Nel mirino degli spacciatori di euro contraffatti bar e piccoli negozi. Dopo questi casi i carabinieri adesso cercano la zecca clandestina specializzata nella produzione di banconote false.

La settimana scorsa, in tre sono entrati in un bar di Chiusa San Michele, nel torinese, e hanno tentato di pagare con 100 euro falsi. Un operaio, un meccanico e un disoccupato tra i 28 e i 38 anni, tutti di origine marocchina e residenti regolarmente a Torino e provincia, sono stati arrestati dai carabinieri di Susa. Con loro avevano un'altra banconota da 100 euro falsa e 900 euro in banconote di piccolo taglio, vere, di cui non hanno saputo giustificare la provenienza. I carabinieri stanno indagando per verificare se ai tre possano essere attribuiti altri casi simili segnalati in zona.


Sabato scorso in un bar di Torino, i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato un disoccupato marocchino di 26 anni che ha cercato di pagare alcune bibite con 100 euro falsi. Il proprietario del locale si è accorto che la banconota era falsa e ha chiamato il 112. Il marocchino arrestato dai carabinieri era già stato fermato per un fatto analogo l’anno corso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banconote false, i carabinieri cercano la zecca nel torinese

TorinoToday è in caricamento