Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Alessandro Scarlatti

Fa il pieno e scappa investendo due benzinai, identificato da un video

Un uomo di 34 anni, residente a Torino, è stato arrestato in via Scarlitti per non aver pagato la benzina lo scorso 19 luglio e per aver investito i due benzinaio che gli erano corsi dietro. Scoperto grazie alle telecamere

I Carabinieri di Torino hanno fermato un uomo di 34 anni di Torino, disoccupato e con numerosi precedenti penali, perché dopo aver fatto un rifornimento di 40 euro alla sua auto, è fuggito senza pagare, investendo padre e figlio, titolari della stazione di servizio. L’episodio è avvenuto il 19 luglio scorso in una stazione di rifornimento Esso di corso Giulio Cesare. Verso le 18.00 circa si è presentato l'uomo con una Fiat Grande punto bianca. Dopo aver effettuato un rifornimento di 40 euro è ripartito senza pagare.

Il figlio del gestore dell'area di servizio, notata la cosa, è corso verso l’auto e riuscendo a raggiungerla, a piedi, al semaforo rosso si è sporto nel finestrino per chiedere all'uomo di pagare il rifornimento. Allo scattare del semaforo verde però la macchina è ripartita travolgendo il benzinaio.

Il padre, avendo visto da lontano la scena, è salito a bordo della sua auto, una Golf, inseguendo l'investitore. Tra un semaforo e l'altro, nel proseguo dell'inseguimento, la Punto Bianca ha più volte speronato l'auto del gestore delle pompe di benzina di corso Giulio Cesare, costretto a scendere e continuare a piedi arrivato all'altezza dell'Iveco. Come successo al figlio anche il padre è stato però investito dal fuggitivo.


Ad oltre un mese di distanza dall'episodio, i Carabinieri sono riusciti a risalire all'identità dell'uomo a bordo della Grande Punto bianca. Grazie alla testimonianza di un passante, alle telecamere di sorveglianza e agli interrogatori effettuati, i militari sono risaliti al 34enne e lo hanno arrestato in via Scarlitti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fa il pieno e scappa investendo due benzinai, identificato da un video

TorinoToday è in caricamento