In manette baby pusher di 17 anni, prima incassava e poi consegnava

Residente a Cascinette vendeva soprattutto nell'eporediese. E' stato accertato che prima incassava il denaro e poi lasciava la droga al cliente nascondendola in diversi punti strategici

Foto di archivio

Un ragazzo di 17 anni residente a Cascinette è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacenti ai fini di spaccio.

Dopo la segnalazione di diversi residenti del suo comune, insospettiti da alcuni movimenti anomali che avvenivano nei dintorni di casa del ragazzo, sono partite le indagini della Polizia di Ivrea e in un mese è stato possibile fare un quadro dettagliato della situazione.

Il giovane spacciava di tutto, dalla marijuana all'hashish, dalla cocaina all'eroina. E' stato accertato che avesse clienti in tutto l'eporediese a cui lasciava la droga in determinati posti come contatori del gas o cassonetti della spazzatura subito dopo aver ricevuto il denaro contante.

L'arresto è avvenuto in mattinata agli ordini del vicequestore Gianluigi Brocca. Gli agenti lo hanno prelevato nella casa in cui abita insieme ai genitori. Prima di essere portato nel carcere minorile di Torino "Ferrante Aporti" ha provato a disfarsi di uno zainetto contenente 1.500 euro in contante e mezzo chilo di droga, ma i poliziotti lo hanno visto mentre lo gettava nel cortile dei vicini e lo hanno recuperato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento