rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Il mediatore culturale scomparso è stato un mese in carcere in Tunisia: è stato rilasciato

Per avere filmato una manifestazione

Era stato arrestato in Tunisia ed è stato rilasciato nella giornata di ieri, giovedì 4 marzo 2021, Lassad Bouajila, il 43enne mediatore culturale torinese (ha cittadinanza italiana e tunisina) della cooperativa Senza Frontiere che era scomparso nel nulla lo scorso 27 gennaio. Non appena è stato liberato, si è messo in contatto con amici e colleghi che si erano preoccupati per lui sporgendo denuncia di scomparsa alla polizia e contattando il Ministero degli esteri.

Secondo le prime informazioni, Bouajila ha trascorso 36 giorni in carcere per avere filmato una delle manifestazioni avvenute nella zona di Monastir e in cui era presente la polizia tunisina, che per questo lo avrebbe arrestato, e un giudice lo avrebbe condannato a scontare oltre un mese di carcere. Adesso si sta attivando per tornare a Torino e al suo lavoro. Le sue condizioni sono buone.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mediatore culturale scomparso è stato un mese in carcere in Tunisia: è stato rilasciato

TorinoToday è in caricamento