menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scarpe e televisori in cambio di cocaina e hashish, preso il pusher degli studenti

I clienti abituali che erano senza soldi lasciavano in pegno al pusher, per alcuni giorni il proprio telefono cellulare, oppure proponevano il pagamento della cocaina con scarpe da ginnastica o televisori

Nelle sue mani un ingente traffico di sostanze stupefacenti che, in mancanza di denaro, scambiava con scarpe da ginnastica o televisori. Lui, un senegalese di 34 anni, pusher di riferimento per la gioventù chierese, è stato arrestato per detenzione e spaccio di cocaina e hashish dai carabinieri della Compagnia di Chieri: i clienti abituali dell'uomo erano, infatti, ragazzi giovani e studenti che andavano da Chieri a Torino per acquistare lo stupefacente.

Le indagini dei militari erano partire lo scorso marzo con l’obiettivo di contrastare lo spaccio di droghe davanti alle scuole chieresi e il consumo di sostanze stupefacenti da parte di studenti minorenni e maggiorenni. Gli investigatori hanno individuato il pusher di riferimento della gioventù chierese in un senegalese che operava su Torino, precisamente nella zona Nord (C.so Grosseto – Via Chiesa della Salute – Via Orbetello – Via Breglio e Via Sospello).

L’attività tecnica svolta dai militari ha permesso di individuare un imponente traffico di droga creato dal senegalese che riusciva a smerciare cento dosi di droga al giorno. Gli scambi avvenivano in strada, solo su prenotazione telefonica, di sera o di notte. I clienti abituali che erano senza soldi lasciavano in pegno al pusher, per alcuni giorni il proprio telefono cellulare, oppure proponevano il pagamento della cocaina con scarpe da ginnastica o televisori.  La perquisizione domicialiare dello straniero ha permesso ai militari di sequestrare 9 ovuli di cocaina,  2 cellulari utilizzati per contattare gli acquirenti e 200 euro. Il pusher era ricercato da tempo per quattro diversi procedimenti penali.

Nell’ambito della stessa attività i carabinieri hanno denunciato a piede libero un gabonese di 15 anni, dipendente del pusher, per detenzione di due ovuli di cocaina e uno studente chierese di 28 anni per produzione di marijuana. A casa del ragazzo, i militari hanno trovato 9 piante di canapa indiana, un bilancino di precisione, un rotolo di pellicola trasparente e somma contante di 505 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento