Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Arrestato il piromane di Venaria, 50 cassonetti bruciati in tre mesi

Si tratta di un italiano di 53 anni. "Non riuscivo a fermarmi, sentivo il bisogno di farlo"

“Era più forte di me, avevo bisogno di farlo e non sapevo come fermarmi, chiedo perdono a tutti”. Con queste parole ha tentato di scusarsi il piromane di Venaria che, in tre mesi, ha dato fuoco alla bellezza di 50 cassonetti della spazzatura.

A fermare le sue continue follie sono stati i carabinieri, che lo hanno tratto in arresto. Egli è un disoccupato italiano di 53 anni, residente a Venaria, separato dalla moglie e con una figlia a carico. Ai militari ha detto di aver compiuto quei gesti per sfogare la sua rabbia nei confronti della vita che stava conducendo.

L’uomo ha iniziato la sua lunga serie di incendi a partire dal novembre dello scorso anno. Egli agiva da solo, indicativamente tra le 18 e l’una di notte, utilizzando dei fazzoletti imbevuti di alcol per incendiare i cassonetti. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato il piromane di Venaria, 50 cassonetti bruciati in tre mesi

TorinoToday è in caricamento