Scomparso nella Dora, fermato un connazionale indiziato di delitto

Un marocchino di 40 anni è ritenuto responsabile di omicidio. Le ricerche iniziate dopo la segnalazione di alcuni testimoni, che nelle serata di domenica avevano visto un uomo nella acque del fiume dopo un litigio, hanno portato a lui

Un uomo di 40 anni di cittadinanza marocchina è stato fermato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo perché ritenuto responsabile dell'omicidio di un connazionale, una persona spinta nel fiume Dora nei pressi del ponte di via Bologna nella serata di domenica.

I militari dell'Arma fanno sapere che il quarantenne fermato è indiziato di delitto e quindi su di lui gravano elementi tali da formulare un giudizio di elevata probabilità di commissione del delitto.

Le ricerche del connazionale scomparso nelle acque della Dora sono iniziate domenica sera intorno alle 21, ma per il momento non hanno dato alcun esito. Inizialmente si ipotizzava che la vittima potesse essere scivolata accidentalmente nel fiume, anche se alcuni testimoni lo avevano visto litigare con un connazionale, scomparso dopo la caduta in acqua dell'uomo. I Carabinieri hanno seguito quest'ultima pista e sono arrivati al fermo di un quarantenne senza fissa dimora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Cibo mal conservato e lavoratori "in nero": ristorante chiuso e multato per 39mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento