menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato latitante di mafia, obbligava le donne a prostituirsi in strada

Il fermato, un cittadino albanese di 26 anni residente nel Barese, era ricercato dallo scorso giugno

Sette latitanti localizzati e tre pusher arrestati. È questo il risultato dell’operazione compiuta nelle ultime 72 ore dai carabinieri al mercato di Porta Palazzo e nei quartieri Borgo Aurora, Regio Parco e Vallette.

Tra gli arrestati c’è un albanese 26enne residente ad Altamura, in provincia di Bari, che risultava latitante dal giugno scorso. Nei suoi confronti è stata emessa un‘ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere di tipo mafioso, riduzione in schiavitù, tratta e commercio di schiavi, prostituzione e favoreggiamento all’ingresso clandestino sul territorio nazionale. 

Nello specifico, egli è accusato – insieme ad altre 14 persone – di aver introdotto clandestinamente numerose donne dall’Albania, dalla Grecia e da altri paesi dell’est europeo, con la scusa di offrire loro lavoro.

Una volta in Italia, le sue vittime erano tuttavia costrette, mediante violenza e minacce, a prostituirsi per strada. L’arrestato le aveva inoltre private dei passaporti e di altri documenti identificativi.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento